Ottobre 2018

Vola alto la Calabria .. ma la papera è zoppa

Siamo bravi noi calabresi nel gioco delle tre carte – questa vince, questa perde – peccato che se anche eseguito con onestà di intenti, la percentuale di vincita è del 33% circa e quella di perdita del 66%. Tralascio i decimali e l’operato tecnico; sorvolo sul lavorio dei “compari” che assumono compiti e ruoli ben precisi. Ubbidisce a questa regola, dalle Alpi a Mazzara del Vallo, tanto per restare nei patri confini,  l’intera politica e, naturalmente non fa eccezione quella… Leggi tutto »Vola alto la Calabria .. ma la papera è zoppa

La politica sonnecchia Il sindacato affila le armi

Una sala gremita di gente proveniente da Catanzaro, da Lamezia, da Crotone, da Vibo Valentia e da tutti i paesi loro limitrofi. Si è celebrato a Catanzaro Lido, qualche giorno fa, il primo congresso sacramentato dello Spi – Cgil che, dopo le  “prove generali” debutta nella Regione Calabria – e probabilmente primo in Italia –  ponendo in essere la prima Area Vasta che vede unite finalmente, e sottolineo finalmente,  Catanzaro, Lamezia Terme, Crotone e Vibo Valentia. Al tavolo dei relatori tutti i segretari delle… Leggi tutto »La politica sonnecchia Il sindacato affila le armi

Aree vaste e Città metropolitane Nessun dorma, ne vedremo delle belle

Due le  Calabrie che si adagiano lungo la dorsale appenninica, dal Pollino  allo Stretto, solcando  due mari, il Tirreno e lo Ionio. Due gli altipiani, lussureggianti e diversi tra loro,  la Sila e l’Aspromonte; quattro le aree pianeggianti, Sibari, Lamezia, Gioia Tauro e Crotone. Distinzione, quella delle due Calabrie, di cui ancora si conserva memoria nella cartellonistica stradale. Comunque al di fuori della geografia fisica,  è la Storia che ci parla di  Calabria Citeriore (latina)e Calabria Ulteriore (greca). Tralascio le diversità tra l’una e… Leggi tutto »Aree vaste e Città metropolitane Nessun dorma, ne vedremo delle belle

Il pendolo di Foucault resta immobile Fatti e fattoidi della Calabria in cammino

Sensazionale: da fonti accreditate abbiamo appreso che nei giorni scorsi, nel salone della Sala Oro della Cittadella regionale, a Germaneto di Catanzaro, è stato installato il Pendolo di Foucault, per “studiare” le sue oscillazioni, in vista ed in preparazione delle prossime elezioni regionali. Sul piano, raffigurante la Rosa dei Venti, sull’asse nord foto, a tutto campo,  di Oliverio; a est, ovest e sud foto di Tallini e di tutti i papabili aspiranti nocchieri al timone della regione bruzia. Tutti in… Leggi tutto »Il pendolo di Foucault resta immobile Fatti e fattoidi della Calabria in cammino

La Città dell’Istmo è in essere Ineluttabilità dello sviluppo di Lamezia

(n.d.d.) Dall’architetto Giuseppe Moraca riceviamo e, molto volentieri, pubblichiamo. Data la lunghezza della nota, ci riserviamo di rispondere, con dovizia di particolari, prossimamente .    Seguo “Lamezia 3.0” e ne apprezzo la perseveranza nel tenere aperto un punto di osservazione sulla politica e sulle scelte che questa impone sui territori; sugli uomini che con la politica costruiscono, spesso immeritatamente, le loro fortune; sui destini dei territori che della politica e degli uomini sono spesso vittime. Questo impegno serve anche a tenere… Leggi tutto »La Città dell’Istmo è in essere Ineluttabilità dello sviluppo di Lamezia

Romano De Grazia Prima Padre poi grande magistrato

“Romano come stai”? Conto le ore, chiamami domani.E’ l’ultima telefonata intercorsa tra noi. Poi il nulla. Solca le vie del cielo il caro Romano De Grazia, mentre io mi struggo davanti alla tastiera cercando di trattenere le lacrime. Si dice che il pianto sia liberatorio, ma in cuor mio l’ho sempre avversato, forse perché da piccolo ho pianto tanto e da grande un po’ meno, ma solo per atteggiamento autoimpostomi, non perché la vita mi abbia regalato sempre rose e… Leggi tutto »Romano De Grazia Prima Padre poi grande magistrato