L’AULA BUNKER ED IL MALPANCISMO DEGLI AVVOCATI CATANZARESI
L’ intervento fuori posto del COA somiglia sempre più interessatissimo campanilismo. I capponi di Renzo ignari si beccano ma il vulcano sta per esplodere

(r.b.) Non si sono ancora sopite le polemiche relative all’ubicazione dell’aula bunker negli spazi messi a disposizione dalla Fondazione Terina, scelta che invece ha avuto il benestare da parte dei Ministeri della Giustizia e dell’Interno – nonché di tutti gli enti interessati – alla celebrazione del processo Scott Rinascita. Chissà perché, invece, la scelta non è stata di gradimento del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro, che ingoiato il rospo, mette il carro davanti ai buoi, addirittura sostenendo che questa è una sistemazione provvisoria limitata solo al processo Scott Rinascita.

Ebbene se questo non è becero campanilismo o interessato amor di patria, mi permetto di chiedere a qualche illuminato Solone lametino, come definire tali “atteggiamenti”. Certo è che, fino ad oggi ogni pagliuzza o fuscello che si sia mosso nel modesto raggio di cinquanta chilometri dall’ epicentro, Catanzaro ombelico del mondo, è stato fagocitato dalla città capoluogo di regione.
Ebbene la musica è finita e gli amici se ne vanno…suonava un motivetto di qualche anno fa. D’ora in avanti il COMITATO LAMETINO che si sta costituendo, chiederà conto e ragione dell’operato,della Provincia di Catanzaro della quale si onora far parte.
Intanto l’avv. Nicolino Panedigrano in rappresentanza delle associazioni qui elencate –  Italia Nostra, Cittadinanzattiva, Comitato Lamezia 4 Gennaio, Osservatorio Sociale San Nicola, Comitato Salviamo la Sanità del Lametino, Altrove, Comitato Malati Cronici, Amolamezia, Comitato Lavoro Sanità Sicurezza, Tribunale del Malato, Vento d’Europa, Comitato Difesa dei Consumatori – ma mancano i comitati spontanei che si stanno costituendo sul territorio lametino, ci scrive quanto segue:
“L’aula bunker alla Fondazione Terina si farà. Ed è una buona notizia per l’amministrazione della giustizia calabrese, per l’ulteriore messaggio contro la mafia che così parte dalla nostra terra, per il buon senso e per la nostra città. Quel che stona è l’ennesimo intervento fuori posto che sul tema ha fatto il COA – Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro con l’annuncio che si tratterebbe di una sistemazione del tutto provvisoria e limitata per tre anni al solo maxiprocesso Scott Rinascita.
Intanto non si comprende perché ed a quale titolo sia il COA di Catanzaro a dare un annuncio di tal genere. E poi sorprendono le motivazioni che esso (e ci auguriamo solo esso) dà circa la “necessità” che la struttura sia solo provvisoria e che dopo la celebrazione di quel processo l’aula bunker “ritorni” in quel di Catanzaro.
Il costo per adeguare il capannone della Fondazione Terina ad aula bunker non sarà affatto irrisorio. Sono soldi della collettività che vanno necessariamente spesi, ma che possono e devono trasformarsi addirittura in un risparmio per il bilancio statale e per l’ambiente, se solo si pensi al risparmio economico e di CO2 che si otterrà evitando continue trasferte verso Roma e Palermo di magistrati, avvocati, funzionari, imputati e parti civili come quelle attualmente in corso per altri maxiprocessi. Il COA di Catanzaro ovviamente sorvola sul tema, ma da qui a poco si dovrà comunque celebrare a Roma a causa della mancanza in Calabria di un’aula bunker adeguata l’udienza preliminare del maxiprocesso Malapianta contro la mafia crotonese, con assai meno imputati dello Scott Rinascita. Ed evidentemente il COA ed altri ambienti catanzaresi preferiscono che si celebri a Roma piuttosto che a Lamezia, costi quel che costi!
Una pretesa che sembrerebbe maturata a dispetto e che invece nasconde l’interesse corposo del “business” professionale e non solo che ruota intorno a tali maxiprocessi. Soprattutto una pretesa di imporre la provvisorietà della scelta di Lamezia e il “rimpatrio” a Catanzaro dell’aula bunker che è fondata di fatto sul nulla. Il codice di procedura penale dispone che tutti i processi e soprattutto quelli di mafia (quando ci sono le aule idonee allo scopo) si celebrino dove sono accaduti i fatti e si sono radicate le ‘ndrine che vengono processate e si spera smantellate. E’ solo l’udienza preliminare (una fase processuale di solito veloce e sbrigativa e comunque breve) che si dovrebbe tenere nella sede della Procura distrettuale antimafia che per la Calabria a nord della provincia di Reggio ha sede in Catanzaro. E dunque nessuna sede naturale di questi maxiprocessi a Catanzaro e nessuno scippo da parte di Lamezia al capoluogo. Solo becero, ma come abbiamo visto sopra interessatissimo, campanilismo”.